Move to Heaven (무브 투 헤븐: 나는 유품정리사입니다)

Un racconto in cui nulla è lasciato al caso e ogni capitolo aiuta a riscoprire il valore etico dell’humanitas.

di Donatella Perullo

Titolo: Move to Heaven (무브 투 헤븐: 나는 유품정리사입니다)

Genere: Dramma

Dove vederlo: in streaming su Netflix

Sceneggiatura: Yoon Ji-ryeon

Regia: Kim Sung-ho

Paese di produzione: Corea del Sud

Numero episodi: 10

Durata per episodio: 45  minuti

Anno di trasmissione: 2021

Main Cast:

Lee Je-hoon  (Cho Sang-gu)

Tang Joon-sang  (Han Geu-ru)

Ji Jin-hee  (Jeong-woo)

Hong Seung-hee (Yoon Na-mu)

Han Geu-ru (Tang Joon-sang) è un ventenne affetto da sindrome di Asperger. È orfano di madre vive in simbiosi con suo padre Jeong-woo (Ji Jin-hee). Insieme lavorano nella ditta di famiglia, la Move to Heaven, che si occupa di bonificare scene del trauma o del crimine. Con rispetto e profonda umanità nei confronti dei deceduti, i due bonificano e sgombrano i luoghi nei quali è avvenuto il decesso. Prima però, hanno cura di raccogliere in una speciale scatola gialla gli effetti più personali dei malcapitati e consegnarli alle persone loro più vicine. Durante questo rito eseguito con rispettosa devozione, i due scoprono storie non raccontate e danno voce agli ultimi desideri di chi non ha più voce.

Il rapporto tra padre e figlio è speciale, l’amore del genitore verso il ragazzo è palpabile in ogni suo sguardo. Geu-ru è sensibile e intelligente e grazie alle cure del genitore è riuscito a fare della sua tipicità un punto di forza. Purtroppo Jeong-woo muore improvvisamente. Geu-ru però non resta solo. Prima di morire, infatti, il padre ha affidato a un legale di fiducia le sue ultime volontà. Il ragazzo avrà un tutore e questi sarà Cho Sang-gu (Lee Je-hoon) il fratellastro minore di Jeong-woo.

Sang-gu è un ex pugile ed è in prigione per aver preso parte a combattimenti illeciti. È un uomo provato dalla vita, disincantato e rude. Prova astio nei confronti del fratellastro, al punto che quando esce dalla prigione e il legale gli comunica la morte di Jeong-woo, mostra indifferenza.

“L’albero è la seconda creatura migliore al mondo. Tutti dovrebbero sforzarsi di dare quanto dà un albero. Gli alberi non ci danno solo ossigeno, frutta e legna, ma anche il ceppo su cui sedersi e riposare.” (Han Geu-ru)

Convocato nello studio dell’avvocato, Cho Sang-gu scoprirà di essere stato nominato tutore del nipote. L’uomo dapprincipio rifiuta poi, quando scopre che accettando avrebbe il potere di amministrare i beni del pupillo, decide si farlo per interessi economici. A quel punto l’avvocato gli rivelerà che per divenire tutore di Geu-ru dovrà vivere e lavorare con lui alla Move to Heaven per tre mesi. Trascorso questo periodo il legale deciderà se confermarlo o no come responsabile legale.  L’incontro tra zio e nipote è un disastro. Le regole, la precisione e gli schemi rispettati da Geu-ru sono sovvertiti e messi in crisi dal caotico, sciatto e sregolato Sang-gu. L’uomo pare non avere regole né remore e la possibilità di una collaborazione costruttiva o di un avvicinamento affettivo sembra irrealizzabile. Nulla però è impossibile alla Move to Heaven.

Puntata dopo puntata, Sang-gu imparerà a rispettare i tempi del nipote ed entrerà sempre più in empatia con lui a ogni caso che sarà loro affidato. Pian piano l’uomo svelerà il dramma che nasconde e metterà a nudo il suo vero io, sorprendendo e toccando nel profondo anche lo spettatore più coriaceo. I commoventi casi affrontati dalla Move to Heaven saranno un filo conduttore delicato e toccante che darà spunti di pensiero intensi e importanti. Pur non essendo un drama thriller, Move to Heaven è ricco di colpi di scena e dona un crescendo di emozioni che divengono sempre più intense con il procedere del racconto.

Come mi è già capitato con altri drama che ho amato, trovo un po’ di difficoltà a trasmettervi la potenza di questa storia senza rivelare troppo. La forza delle emozioni donate da Move to Heaven sta, infatti, negli avvenimenti e nei sentimenti rivelati gradualmente, a volte con delicatezza, altre con impeto. La costruzione dei personaggi è un altro punto di forza di questo Drama. Ognuno con le sue peculiarità e il suo percorso di vita contribuisce a rendere la storia speciale. In Move to Heaven nulla è lasciato al caso e ogni puntata aiuta a riscoprire il valore etico dell’humanitas. Così i sentimenti, quelli veri e profondi, divengono assoluti protagonisti. Move to Heaven è una storia catartica che fa bene all’anima e lascia un senso di nostalgica malinconia, ma anche di corroborante speranza.

La morte che è una delle protagoniste di questa storia, è raccontata con delicatezza ma soprattutto con rispetto. Geu-ru è un personaggio straordinario e Tang Joon-sang nonostante la sua giovane età – è nato nel 2003 – lo interpreta in maniera strepitosa. Non si può non amarlo, così come non si può non restare a bocca aperta dinanzi alla bravura di Lee Je-hoon. Il suo Cho Sang-gu con i suoi difetti, le contraddizioni e con i tormenti nascosti che lo dilaniano è un eroe scalcinato che amerò per sempre. Tutto il cast è ben assortito e ricco di guest star, ma una menzione speciale mi è dovuta a Ji Jin-hee che nei panni del padre di Geu-ru eccelle.

Avevo sentito parlare spesso di lui e sempre in termini entusiastici, ma non lo avevo ancora visto recitare. Che dire, è un grande attore. È riuscito a rendere così profondamente umano e reale Jeong-woo che si finisce con il percepire i suoi sentimenti come graffi sull’anima.

Move to Heaven è stato  girato in Corea del Sud  nella città di Cheongiu  da marzo a settembre 2020. È un drama originale Netflix distribuito in tutto il mondo il 14 maggio 2021 ed è stato doppiato in inglese e in giapponese. La sceneggiatura è un adattamento del saggio “Things Left Behind”, scritto da Kim Sae Byul un ex bonificatore di scene del trauma. A curarla è stata la sceneggiatrice Yoon Ji-ryeon che in passato ha firmato Drama come Boys over Flower (2009) e Angel eyes (2014). Pur non lasciando nessun evento in sospeso, il finale di Move to Heaven fa intravedere la possibilità di un’auspicabile seconda stagione.

La mia valutazione
9.5/10
Ti piace? Condividilo! ;)

Il Crollo del Centro Commerciale Sampoong, una ferita mai rimarginata

Una tragedia che si sarebbe potuta evitare e che ha segnato per sempre il popolo sudcoreano. Una strage riportata anche sul grande schermo e ricordata più volte nei K Drama.

di Donatella Perullo

Il mio primo drama è stato Black, una storia fantasy/Thriller con riferimenti al tragico crollo di un centro commerciale. Qualche tempo dopo guardando Just Between Lovers mi sono ritrovata dinanzi a una storia, seppur del tutto diversa, che affronta il medesimo argomento. Sono venuta poi a sapere che questi due non sono i soli drama nei quali era presente questa sciagura. Anche in Reply 1994 e nel recente Chocolate, ad esempio c’è il richiamo a una tragedia analoga.

In quel momento la curiosità mi ha spinta a capire il perché di questo tema ricorrente nei K drama. Ho scoperto, così, che nel 1995, a Seul, crollò davvero un centro commerciale e che quella tragedia ha segnato per sempre il popolo Coreano. Sapere quali furono i fatti reali, mi ha aiutato a comprendere meglio alcune delle sfumature delle trame narrate. Quindi ho pensato che potrebbe essere interessante, per chi non ne fosse già informato, conoscere questa catastrofe che ha scosso la Corea del Sud. 

Alle 18:00 del 29 giugno 1995 a Seul, nell’esclusivo quartiere di Shocho, il crollo del lussuoso centro commerciale Sampoong, provocò la morte di cinquecentodue persone. Tra queste, tantissimi bambini i cui corpi furono ritrovati nel reparto giocattoli. I feriti furono novecentotrentasette e i dispersi sei. Ancora oggi si considera questo disastro, il peggiore della storia della Corea del Sud in tempo di pace.

Il Centro Commerciale Sampoong era stato inaugurato il 7 luglio del 1990 ed era un imponente edificio bianco di cinque piani. Nei cinque anni di attività, aveva ospitato ogni giorno circa quarantamila clienti e quasi settecento dipendenti. Con il tempo, la proprietà cambiò il colore dell’edificio da bianco a rosa,  per conferirgli un’immagine più intensa.  

Le indagini eseguite dopo il crollo rivelarono che le cause della catastrofe furono molteplici. Ci furono vizi di progettazione, ma anche errori nel processo di costruzione e soprattutto numerose e gravissime imperfezioni gestionali.

Le prime crepe nel soffitto dell’ala sud dell’edificio apparvero due mesi prima del collasso della struttura, nell’aprile del 1995. Nonostante questo, non fu fatta manutenzione e l’edificio non fu chiuso al pubblico. Questo perché il numero dei clienti era molto alto e non si volle affrontare perdite economiche. I responsabili del Centro Commerciale si limitarono perciò a far spostare merci pesanti dall’ultimo piano al primo piano interrato. Le fonti riportano, però, che per precauzione i dirigenti lasciarono l’edificio.

La situazione si aggravò la mattina del 29 giugno, quando il numero di crepe aumentò. Ciò spinse i responsabili a sgombrare l’ultimo piano e a chiudere i condizionatori, le cui vibrazioni, si supponeva, avessero provocato l’ampliamento delle crepe.

Cinque ore prima del disastro, gli esperti d’ingegneria civile dichiararono che l’edificio rischiava di crollare. Alcuni testimoni dissero che, nonostante l’aria condizionata fosse ormai spenta, le crepe nei pavimenti si erano allargate almeno di dieci centimetri.

Cinquantadue minuti prima del cedimento, i clienti affollavano l’edificio, ma neanche allora la proprietà si decise a mettere in atto il piano di evacuazione. Solo alle 17:50, nel momento in cui il Centro Commerciale iniziò a scricchiolare, gli operai suonarono le sirene di allarme per far fuggire i clienti. Le prime a cedere furono le colonne principali che, indebolite dall’inserimento delle scale mobili, trascinarono con sé l’intero edificio, provocandone il collasso in venti secondi.

In seguito, il responsabile della struttura riferì che i primi danneggiamenti erano stati provocati due anni prima, dallo spostamento dei motori dell’impianto di condizionamento. All’epoca, il forte rumore provocato dall’impianto aveva causato le proteste dei vicini.

Fonti foto: 1 ; 2 ; 3 ; 4.

Ciò aveva indotto i responsabili del Sampoong a trasferire gli enormi motori del peso di circa quindici tonnellate l’uno, da una parte all’altra del tetto. Il loro trascinamento sulla copertura dell’edificio provocò danni alle lastre del solaio e causò la comparsa delle prime crepe.

C’è anche un’altra ragione del disastro da non sottovalutare. L’edificio era stato, infatti, progettato per essere di soli quattro piani, mentre la direzione aveva deciso di aggiungere un quinto piano dedicato al ristoro. La società di costruzioni aveva negato il proprio consenso a quella follia, spiegando che le colonne di supporto non avevano il diametro sufficiente a sostenere un piano non previsto dal progetto. A quel punto la proprietà aveva assunto un’altra ditta alla quale aveva affidato la costruzione del piano aggiuntivo.

Il superstite Kim So Jong, proprietario di un ristorante del quinto piano, dichiarò alla Kbs: Il pavimento si era come piegato. C’era un avvallamento di almeno un metro. I dirigenti sono venuti a vedere, ma se ne sono fregati e non hanno fatto evacuare la gente”.

Subito dopo il crollo, il premier Lee in conferenza stampa dovette riconoscere: “Non può essere stato il gas. Non sono scoppiati incendi. Siamo di fronte a carenze di costruzione e ancora prima di progettazione. Basta osservare l’ala B rimasta in piedi per rendersene conto. È stato usato materiale scadente, poco cemento e molto fango”.

Una tragedia che si sarebbe potuta evitare, dunque. In ricordo delle cinquecentodue vittime del crollo del Centro Commerciale Sampoong è stato costruito un memoriale, situato all’interno del Parco Cittadino Yangjae Citizen’s Forest.

Nel 2006 anche il cinema ha portato sullo schermo la catastrofe del Sampoong. Il film  Traces of Love, interpretato da Yoo Ji-tae e Kim Ji-soo, attraverso una sfortunata storia d’amore, ricostruisce il crollo e le sue conseguenze.

La ricostruzione del crollo nel film del 2006 “Traces of Love”

Fonti articolo:  (1) (2) (3)

Ti piace? Condividilo! ;)