KIM JONGIN (김종인)

KAI (카이)- Il viso da duro e l’animo gentile del ragazzo che ama i suoi Erigoms

di Angie

Cognome: Kim

Nome: Jong-In

Professione:  ballerino, cantante, attore e modello

Gruppi: EXO, SuperM

Stage name: KAI (카이)

Luogo di nascita: Suncheon, Jeolla Meridionale, Sud Corea

Data di nascita: 14 gennaio 1994

Segno zodiacale: Capricorno

Segno oroscopo cinese: Cane

Altezza: 1,82

KIM JONGIN SOCIAL

Utilizza anche gli account ufficiali del gruppo EXO

Kim Jongin, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Kai è un idol, ballerino, cantante, modello e attore sudcoreano. Nasce il 14 gennaio 1994 a Suncheon (순천시) nella provincia di Jeolla Meridionale (전라 남도). È il più giovane in famiglia. Ha due sorelle maggiori, Kim Jongha che ha cinque anni in più e l’altra che è più grande di nove anni. Ha due nipoti, figli della sorella maggiore, Rahee e Raeon. Nel 2018, a causa di una malattia cronica, ha perso il padre al quale era molto legato.

Kai ha iniziato a ballare jazz quando aveva solo otto anni. Dopo aver visto Lo Schiaccianoci inizia ad appassionarsi anche alla danza classica. I genitori l’hanno sempre sostenuto, anche se all’inizio avrebbero preferito si dedicasse al Taekwondo e al pianoforte.

Nel 2007, dopo aver vinto l’SM Youth Best Contest, grazie all’incoraggiamento del padre firma con la SM Entertainment. Diventa trainee a soli tredici anni e inizia a studiare hiphop. Si diploma presso la School of Performing Arts di Seoul nel febbraio 2012.

È stato il primo membro degli EXO a essere presentato ufficialmente al pubblico il 23 dicembre 2011.

Ha fatto la sua prima apparizione televisiva il 29 dicembre 2011, insieme con altri membri del gruppo (Luhan, Chen e Tao) agli SBS Gayo Daejeon.

Debutta ufficialmente con il gruppo nell’aprile 2012 e da allora ha ottenuto una notevole popolarità e successo nel mondo della musica e della moda.

Kai è da sempre uno degli artisti più impegnati e richiesti della SM. Oltre ai numerosi traguardi raggiunti con gli EXO, è scelto per numerosi progetti della casa discografica.

A ottobre 2012, prende parte al progetto Younique Unit, gruppo promozionale, insieme ai compagni di etichetta Eunhyuk, Henry, Hyoyeon, Taemin e Luhan. Con il gruppo pubblica il singolo Maxstep come parte della collaborazione tra la SM Entertainment e la Hyundai. Lo stesso anno si unisce al corpo di ballo SM The Performance, insieme al collega Lay, Yunho (TVXQ), Eunhyuk e Donghae (Super Junior), Minho e Taemin (SHINee).

Nel 2013 è scelto come controparte maschile nel photobook dell’album Pink Tape del gruppo femminile F(X).

Il video di Pretty Boy

Ad agosto 2014 Kai duetta insieme all’amico Taemin (SHINee) in Pretty Boy, pezzo tratto dell’album d’esordio di quest’ultimo.

Il quattro ottobre 2019 debutta nel supergroup project SuperM, creato dalla SM Entertainment in collaborazione con la Capitol Records americana per il mercato USA.

Con il gruppo ha pubblicato, il quattordici agosto 2020, il singolo 100, che anticipa l’uscita del primo album completo prevista per il venticinque settembre. A inizio settembre 2020, invece, è uscito il singolo 호랑이 (Tiger Inside).

Dopo alcuni cameo, nel gennaio del 2016 ottiene il suo primo ruolo da protagonista nel web drama da record di ascolti Choco Bank (che potete trovare con i sottotitoli in Italiano QUI). A dicembre recita in due episodi del web drama prodotto da Lotte Duty Free, First Seven Kisses.

Nel 2017 interpreta Shi-kyung nel drama della KBS, Andante. Grazie a questo ruolo vince il premio come Favourite Korean Drama Character dello StarHub Night of Stars.

Sempre nel 2017 è scelto come protagonista nella serie drammatica giapponese Spring Has Come, basato sull’omonimo romanzo giapponese di Kuniko Mukōda. La produzione del dōrama inizia nel 2018 ed è la prima produzione della stazione di trasmissione WOWOW in cui il protagonista non è giapponese.

Nel 2018 è anche scelto come Ato nel melodramma sudcoreano della KBS, Miracle That We Met.

Lo stesso anno è special director nel survival show Under Nineteen (언더나인틴) mentre nel 2019 entra a far parte del cast del reality Sooro’s Rovers.

Anche la sua carriera da modello è invidiabile. Nel dicembre 2017, Kai è sulla copertina di The Big Issue, rivista nota per aiutare i senzatetto. Durante i primi due giorni dall’uscita, il numero di dicembre vende oltre ventimila copie, registrando la maggior vendita della rivisa dal luglio 2010.

Nel 2018 è selezionato come volto della campagna Live in Levi’s della Levi’s

Nel 2020 Kai diventa il primo ambasciatore sudcoreano di Gucci. Posa per la linea Gucci Eyewear Men della stagione 2019/2020 e durante la settimana della moda di Milano partecipa alla sfilata del brand.

Kai è un ballerino molto amato nel settore e spesso scelto dagli altri idols come role model. Eccelle in diversi stili quali il classico, il Jazz, l’Hip Hop, il Popping e il Locking. Si è esibito, inoltre, in una performance solista durante la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Seoul 2018. Nonostante la sua aura intimidatoria come artista, in realtà dietro i riflettori Jongin è una persona molto gentile, timida e tranquilla. È il ballerino principale degli EXO ed è il secondo membro più giovane (insieme a Sehun). Ricopre lo stesso ruolo anche nei SuperM. Parla giapponese e inglese e ha una conoscenza base di cinese mandarino.

Ha aiutato la sorella Kim Jungha ad aprire il cafè Kamong, con il quale collabora per quanto riguarda il design. Sul suo instagram pubblica spesso foto con i suoi due nipoti ai quali è molto affezionato. Si è aggiudicato anche il soprannome Kai-chon, dall’unione con samchon (삼촌) che vuol dire zio.

Ha tre cani, un barboncino di nome Monggu, e due toy poodle, Jjanggu e Jjangah.

Poichè i suoi fan dicono che assomiglia a un orsetto, Kai li ha soprannominati Erigoms (exo-l + gummy bears, ovvero orsetti gommosi).

Una curiosità: è uno dei pochi idol del quale si conosce parte della vita privata. Si sa, infatti, che è stato fidanzato con Krystal delle F(x) fino a marzo 2016, quando la SM ha ufficializzato la rottura. A inizio 2019, per qualche mese ha anche avuto una relazione con Jennie delle Blackpink. In entrambi i casi quando l’agenzia ha annunciato la rottura ha sempre sostenuto che il problema fossero i troppi impegni. Molto probabilmente, però, la vera ragione è lo scontento del pubblico.

→ Il rapporto dei fan con la vita privata dei propri idoli non è quasi mai dei migliori in Corea. Questo accade a causa di una malsana concezione secondo la quale l’idol “appartiene” ai fan. Per mantenere la propria reputazione e l’interesse spesso i giovani artisti sono costretti a fidanzarsi in segreto e fuggire dai paparazzi.

Il video di “100”

Ti piace? Condividilo! ;)
Share

Il Crollo del Centro Commerciale Sampoong, una ferita mai rimarginata

Una tragedia che si sarebbe potuta evitare e che ha segnato per sempre il popolo sudcoreano. Una strage riportata anche sul grande schermo e ricordata più volte nei K Drama.

di Donatella Perullo

Il mio primo drama è stato Black, una storia fantasy/Thriller con riferimenti al tragico crollo di un centro commerciale. Qualche tempo dopo guardando Just Between Lovers mi sono ritrovata dinanzi a una storia, seppur del tutto diversa, che affronta il medesimo argomento. Sono venuta poi a sapere che questi due non sono i soli drama nei quali era presente questa sciagura. Anche in Reply 1994 e nel recente Chocolate, ad esempio c’è il richiamo a una tragedia analoga.

In quel momento la curiosità mi ha spinta a capire il perché di questo tema ricorrente nei K drama. Ho scoperto, così, che nel 1995, a Seul, crollò davvero un centro commerciale e che quella tragedia ha segnato per sempre il popolo Coreano. Sapere quali furono i fatti reali, mi ha aiutato a comprendere meglio alcune delle sfumature delle trame narrate. Quindi ho pensato che potrebbe essere interessante, per chi non ne fosse già informato, conoscere questa catastrofe che ha scosso la Corea del Sud. 

Alle 18:00 del 29 giugno 1995 a Seul, nell’esclusivo quartiere di Shocho, il crollo del lussuoso centro commerciale Sampoong, provocò la morte di cinquecentodue persone. Tra queste, tantissimi bambini i cui corpi furono ritrovati nel reparto giocattoli. I feriti furono novecentotrentasette e i dispersi sei. Ancora oggi si considera questo disastro, il peggiore della storia della Corea del Sud in tempo di pace.

Il Centro Commerciale Sampoong era stato inaugurato il 7 luglio del 1990 ed era un imponente edificio bianco di cinque piani. Nei cinque anni di attività, aveva ospitato ogni giorno circa quarantamila clienti e quasi settecento dipendenti. Con il tempo, la proprietà cambiò il colore dell’edificio da bianco a rosa,  per conferirgli un’immagine più intensa.  

Le indagini eseguite dopo il crollo rivelarono che le cause della catastrofe furono molteplici. Ci furono vizi di progettazione, ma anche errori nel processo di costruzione e soprattutto numerose e gravissime imperfezioni gestionali.

Le prime crepe nel soffitto dell’ala sud dell’edificio apparvero due mesi prima del collasso della struttura, nell’aprile del 1995. Nonostante questo, non fu fatta manutenzione e l’edificio non fu chiuso al pubblico. Questo perché il numero dei clienti era molto alto e non si volle affrontare perdite economiche. I responsabili del Centro Commerciale si limitarono perciò a far spostare merci pesanti dall’ultimo piano al primo piano interrato. Le fonti riportano, però, che per precauzione i dirigenti lasciarono l’edificio.

La situazione si aggravò la mattina del 29 giugno, quando il numero di crepe aumentò. Ciò spinse i responsabili a sgombrare l’ultimo piano e a chiudere i condizionatori, le cui vibrazioni, si supponeva, avessero provocato l’ampliamento delle crepe.

Cinque ore prima del disastro, gli esperti d’ingegneria civile dichiararono che l’edificio rischiava di crollare. Alcuni testimoni dissero che, nonostante l’aria condizionata fosse ormai spenta, le crepe nei pavimenti si erano allargate almeno di dieci centimetri.

Cinquantadue minuti prima del cedimento, i clienti affollavano l’edificio, ma neanche allora la proprietà si decise a mettere in atto il piano di evacuazione. Solo alle 17:50, nel momento in cui il Centro Commerciale iniziò a scricchiolare, gli operai suonarono le sirene di allarme per far fuggire i clienti. Le prime a cedere furono le colonne principali che, indebolite dall’inserimento delle scale mobili, trascinarono con sé l’intero edificio, provocandone il collasso in venti secondi.

In seguito, il responsabile della struttura riferì che i primi danneggiamenti erano stati provocati due anni prima, dallo spostamento dei motori dell’impianto di condizionamento. All’epoca, il forte rumore provocato dall’impianto aveva causato le proteste dei vicini.

Fonti foto: 1 ; 2 ; 3 ; 4.

Ciò aveva indotto i responsabili del Sampoong a trasferire gli enormi motori del peso di circa quindici tonnellate l’uno, da una parte all’altra del tetto. Il loro trascinamento sulla copertura dell’edificio provocò danni alle lastre del solaio e causò la comparsa delle prime crepe.

C’è anche un’altra ragione del disastro da non sottovalutare. L’edificio era stato, infatti, progettato per essere di soli quattro piani, mentre la direzione aveva deciso di aggiungere un quinto piano dedicato al ristoro. La società di costruzioni aveva negato il proprio consenso a quella follia, spiegando che le colonne di supporto non avevano il diametro sufficiente a sostenere un piano non previsto dal progetto. A quel punto la proprietà aveva assunto un’altra ditta alla quale aveva affidato la costruzione del piano aggiuntivo.

Il superstite Kim So Jong, proprietario di un ristorante del quinto piano, dichiarò alla Kbs: Il pavimento si era come piegato. C’era un avvallamento di almeno un metro. I dirigenti sono venuti a vedere, ma se ne sono fregati e non hanno fatto evacuare la gente”.

Subito dopo il crollo, il premier Lee in conferenza stampa dovette riconoscere: “Non può essere stato il gas. Non sono scoppiati incendi. Siamo di fronte a carenze di costruzione e ancora prima di progettazione. Basta osservare l’ala B rimasta in piedi per rendersene conto. È stato usato materiale scadente, poco cemento e molto fango”.

Una tragedia che si sarebbe potuta evitare, dunque. In ricordo delle cinquecentodue vittime del crollo del Centro Commerciale Sampoong è stato costruito un memoriale, situato all’interno del Parco Cittadino Yangjae Citizen’s Forest.

Nel 2006 anche il cinema ha portato sullo schermo la catastrofe del Sampoong. Il film  Traces of Love, interpretato da Yoo Ji-tae e Kim Ji-soo, attraverso una sfortunata storia d’amore, ricostruisce il crollo e le sue conseguenze.

La ricostruzione del crollo nel film del 2006 “Traces of Love”

Fonti articolo:  (1) (2) (3)

Ti piace? Condividilo! ;)
Share